Giacomo Caliendo (*) e Antonio Padellaro (*)  
  Per la P3 Caliendo cita
il Fatto e paga le spese
 
 
 

Arriva da Roma una nuova difesa articolata del diritto di critica. La firma il 15 maggio giudice Anna Mauro della prima sezione civile del tribunale capitolino a conclusione del giudizio per diffamazione a mezzo stampa promosso dal magistrato Giacomo Caliendo nei confronti del Fatto Quotidiano, con rappresentante pro tempore Giorgio Giacomo ...

 
 
[All'interno] [Documenti]
 
 
Gianpaolo Necco  
  Ausiello e G. Necco
consiglieri della Fnsi
 
 
 
 

Il 18 maggio si è riunito nella sede dell’Ordine regionale il consiglio direttivo del Sugc, il Sindacato unitario dei giornalisti campani, che dal 28 aprile è affiliato alla Federazione della stampa. Nel corso dell’incontro, coordinato dal segretario Armando Borriello, sono ...

 
 
  [All'interno]
 
 
Gaetano Ferrandino  
 

Il Golfo
sul web

 
 
 
 

Dal primo luglio andrà a regime www.
golfo24.it la versione on line del Golfo il quotidiano di Ischia e Procida ...

 
 
  [All'interno]
 
 
  Visitatori 2015
   
  Scafati, 25 aprile. Collegamento con il tg delle 14  
 

Il più entusiasta in questi collegamenti che le pro loco non potrebbero fare meglio è il capo servizio e cdr Rino Genovese.
Il 25 aprile, settantesimo anniversario della Liberazione, è a Scafati, nell’Agro sarnese nocerino. Nel profluvio di chiese meravigliose, tradizioni secolari, ricette esclusive e prodotti tipici, Genovese impartisce ai telespettatori anche lezioni di geografia e storia. Prima apprendono che Scafati è “la

 

Venezia del sud” e poi che a Scafati “fu combattuta una battaglia che segnò le sorti della II guerra mondiale”.
Storici autorevoli hanno scritto libri per spiegare che il passaggio decisivo della seconda guerra mondiale fu la battaglia di Stalingrado, con l’eroica resistenza dei russi e l’annientamento della VI armata tedesca nel febbraio del 1943.
Ma gli storici sottovalutavano forse la battaglia di Scafati.  

 
 
  Stalingrado
 

A via Marconi il sabato è ‘fascista’, nel senso che è un semifestivo. I 19 minuti del tg delle 14 vengono coperti per metà da un inviato spedito in uno dei cinquecento comuni della regione per decantarne bellezze e prelibatezze.
A Napoli o in altre città campane può anche scatenarsi l’inferno, ma per il capo redattore Antonello Perillo poco importa; iammarielli, zucche e anguille non si toccano.

Sommario
Notizie
Per la P3 Caliendo cita
il Fatto e paga le spese
Ausiello e G. Necco
consiglieri della Fnsi
Tam tam
Stalingrado
Lettere
Il Golfo
sul web
Documenti
All'ex sottosegretario
condanna da 5.600 €
La II guerra mondiale
venne decisa a Scafati
(*) www.dagospia.com
 
LEGGI - GLI - ULTIMI - NUMERI - PUBBLICATI
 
n. 18 (14 maggio 2015) n. 17 (6 maggio 2015) n. 16 (27 aprile 2015)